Uccidi il tuo destino

Mente Malata: Uccidi il tuo destino – Pubblicato da Roberto Spike il giorno 01/11/2019

Uccidi il tuo destino

[Parlato]

Ricordati che nulla è stato scritto
tutto può cambiare in un’istante
anche qui, in questo momento
può realizzarsi l’impossibile.

[Primo Verso]
Quando pensavo che la mia vita
fosse giunta a un punto morto
passavo le mie notti solitarie
a bere fino a stare male.

Ho dato in pasto le mie carni
alle mie più oscure paure
condannando la mia anima
tra le fiamme del mio inferno.

Ho camminato così tanto
da non ricordar dove son stato
forse in fuga da me stesso
o alla ricerca di qualcosa.

Ma il sapore sulle mie labbra
aveva un gusto troppo amaro
e ho bestemmiato il vostro Dio
insieme ai santi del Creato.

[Rit.]
Quando ti senti morto dentro
vedi il tuo mondo spento
non hai orecchie per nessuno
ascolti solo il tuo lamento.
La morte a volte è un desiderio
per poter uscire dalla gabbia
che soffoca i nostri sogni
tra le ferite e nella rabbia.

[Secondo Verso]
E proprio quando fui da solo
allontanandomi da tutto e tutti
che in quel sentiero solitario
ho ritrovato la mia luce.

All’inizio era una semplice speranza
poi è diventata un’occasione
l’ho catturata tra le mie dita
e ho dato un senso ai miei respiri.

Da quel giorno la mia vita
è una continua evoluzione
e oggi mi diverto a scrivere
ogni giorno il mio domani.

Lunga è ancora la mia strada
per poter colmare tutti i miei sogni
ma oggi conosco il mio cammino
e voglio solo godermi lo spettacolo.

[Rit.]
Quando ti senti morto dentro
è il momento di tornare a vivere
buttare via tutto il passato
per costruire un futuro nuovo.
La morte è una nostra amica
che ci sprona a ritrovarci
per tornare qui a combattere
e respirare aria di vittoria.

Kill your destiny

[Spoken]

Remember that nothing has been written
everything can change in an instant
here too, right now
the impossible can be realized.

[First Verse]
When I thought about my life
had come to a standstill
I spent my lonely nights
to drink until you feel sick.

I fed my meat
to my darkest fears
condemning my soul
in the flames of my hell.

I walked so much
not to remember where I was
perhaps fleeing from myself
or looking for something.

But the taste on my lips
it tasted too bitter
and I have blasphemed your God
together with the saints of Creation.

[Chours]
When you feel dead inside
see your world turned off
you have no ears for anyone
just listen to your complaint.
Death is sometimes a desire
to be able to get out of the cage
that suffocates our dreams
between wounds and in anger.

[Second Verse]
And just when I was alone
moving away from everything and everyone
than in that lonely path
I found my light again.

In the beginning it was a simple hope
then it became an opportunity
I caught it in my fingers
and I made sense of my breaths.

From that day my life
it is a continuous evolution
and today I enjoy writing
my tomorrow every day.

My road is still long
to be able to fill all my dreams
but today I know my path
and I just want to enjoy the show.

[Chours]
When you feel dead inside
it’s time to go back to life
throw away all the past
to build a new future.
Death is our friend
that encourages us to meet again
to return here to fight
and breathe an air of victory.

(¯`*†Spike†*´¯)

Uccidi il tuo destino ultima modifica: 2019-11-13T14:56:38+00:00 da Roberto Spike
Mi Piace
Share
  • 10
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    11
    Shares
  •  
    11
    Shares
  • 10
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •